Home Page » Documentazione » Notizie dal Comune » lettura Notizie e Comunicati

Notizie dal Comune

EMERGENZA CORONAVIRUS. IL SINDACO: "5 NUOVI POSITIVI. CONDOGLIANZE PER LA FAMIGLIA DEL TIFERNATE DECEDUTO"
EC
28.03.2020 -

 

 

 

EMERGENZA CORONAVIRUS. IL SINDACO: “5 NUOVI POSITIVI. CONDOGLIANZE PER LA FAMIGLIA DEL TIFERNATE DECEDUTO”

Emergenza Coronavirus. Sabato 28 Marzo 2020, dichiarazione del sindaco Luciano Bacchetta: “Aggiorniamo la situazione con un fatto luttuoso, un uomo di 67 anni, che anche il sottoscritto conosceva bene, una famiglia di San Pio, un tifernate storico, alla famiglia facciamo le condoglianze, come alle famiglie di tutti gli altri deceduti. Credo che sarà giusto pensare ad un ricordo quando tutto sarà finito. Sono 5 i nuovi positivi, uno standard abbastanza consolidato che ci deve far stare all’erta. Le quarantene nuove sono legate alle relazioni di queste persone. La Regione Umbra ha annunciato un’estensione dei tamponi, che saranno più numerosi a partire dalle categorie a maggiore rischio. A Città di Castello ne sono già stati fatti molti. L’Amministrazione comunale ha in questo momento sospeso i termini di pagamento dei tributi comunali, posticipandoli. Ci è sembrato doveroso anche se le casse comunali sono destinate a soffrire. Le nostre risorse sono infatti tutte destinate ai servizi pubblici e questa scelta determinerà una difficoltà di bilancio ma, ora, è importante non dare altri elementi di preoccupazione ai cittadini”.

 


EMERGENZA CORONAVIRUS. IL SINDACO: “3 POSITIVI IN PIU’, 68 IN PIU’ IN QUARANTENA. OLTRE 300 I TAMPONI FATTI A CITTA’ DI CASTELLO”

Emergenza Coronavirus. Venerdì 27 Marzo 2020. Dichiarazione del sindaco Luciano Bacchetta: “Ci sono tre nuovi casi positivi, inferiori a quelli del giorno precedente. Non ci sono state nuove positività tra personale e pazienti dell’ospedale. Le nuove quarantene precauzionali sono 69: si tratta di persone che hanno avuto contatti con positivi e che in via precauzionale sono in isolamento volontario nel proprio domicilio. Città di Castello è la città in cui si sono fatti più tamponi in assoluto: circa 300 di cui 150 tra chi ha avuto contatti con l’ospedale, dove il pericolo del contagio è superiore. La nostra sanità sta facendo un lavoro egregio, l’area dedicata al COVID sta lavorando molto bene, ospitando pazienti dell’Alta Umbria ed anche un caso di Bergamo. Voglio ringraziare le forze dell’ordine che costantemente pattugliano le nostre strade per garantire la massima sicurezza e il loro è il compito improbo, in questo momento di quarantena generale. Lo stanno svolgendo con tanta abnegazione, sensibilità e cortesia. Stiamo lavorando al reperimento di mascherine, grazie anche alla generosità dei privati che ringrazio. C’è una grande mobilitazione della società civile. Va estesa la massimo la distruzione di questi dispositivi. E’ in vigore un’ordinanza che prescrive l’accesso ai supermercati ed ai servizi essenziali solo con naso e bocca coperti. Vuol dire che oltre alle mascherine, si rispetta l’ordinanza anche attraverso soluzioni alternative come fazzoletti, sciarpe o foulard ma bisogna coprirsi per ridurre la possibilità di contagio. Sarà necessario porre una grande attenzione sulla nostra residenza sanitaria protetta: la Muzi Betti ospita 90 anziani, categoria particolarmente fragile davanti al Coronavirus, dovrà essere monitorata in modo particolare e garantire più sicurezza possibile.  

Siamo ancora in una fase molto mobile, in cui è difficile individuare una tendenza. Dobbiamo impegnarci per vincere la battaglia contro il Coronavirus”.

 

 


EMERGENZA CORONAVIRUS. DICHIARAZIONE DEL SINDACO: 7 POSITIVI IN PIU’. SOLLECITEREMO PER APERTURA POSTE TRESTINA

Emergenza Coronavirus. Giovedì 26 Marzo 2020. Dichiarazione del sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta, in un giorno particolare, Il giorno del suo compleanno: “Aggiorniamo la situazione con 7 positivi in più, lo stesso numero di ieri, rispettando la privacy delle persone interesate, i dati ci dicono che sono riconducibili alle quarantene per contatto con soggetti già positivi, grazie ad uno studio epidemiologico che ha portato ad individuare l’insieme dei potenziali contagi. Il numero delle quarantene preventive è consistente e nella prevalenza domiciliare. Il nostro reparto COVID 19 che è stato realizzato ospita anche cittadini di altre zone ed in particolare dell’Alto Chiascio grazie alla scelta dell’Amministrazione, di collaborazione, solidarietà e grande altruismo, che ha autorizzato l’apertura di questo reparto presso l’ospedale a vantaggio anche di chi non è del nostro territorio. Il COVID si sconfigge insieme non pensando solo al proprio orticello. E’ stata aperta Villa Muzi dove verranno ricoverati i soggetti positivi ma nella fase terminale della malattia. Abbiamo fatto un’ordinanza per le attività commerciali affinchè si adottino forme maggiori di cautela e gli avventori dovranno indossare mascherine per garantire il distanziamento sociale. Un altro aspetto da sottolineare è la necessità di ampliare gli orari di apertura di Poste Italiane. Oltre a quanto già disposto, a mio avviso va aperto anche Trestina. Chiameremo il responsabile interregionale per sollecitare tale decisione. Ne va anche della sicurezza della popolazione che si recherà alle poste per ritirare la pensione, che sono in gran parte anziani. La battaglia è ancora lunga, ci sono le condizioni però per provare ad uscirne e i dati complessivi sembrano indicare questa direzione. Voglio ringraziare i lavoratori dei servizi essenziali, degli edicolanti, degli operatori sanitari, un grande abbraccio da chi come loro è in prima linea. In momenti come questi si vede chi è consapevole di dover svolgere una funzione e lo fa con serenità”.

 

 




 
EMERGENZA CORONAVIRUS. DICHIARAZIONE DEL SINDACO: “7 POSITIVI IN PIU’, 20 RICOVERI, 3 IN RIANIMAZIONE. SUI TAMPONI DECIDE LA REGIONE
Emergenza Coronavirus. Mercoledì 25 Marzo 2020. Dichiarazione del sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta: “Aggiorniamo la situazione con 7 positivi in più, all’ospedale sono ricoverate 20 persone, 3 delle quali in terapia intensiva. La battaglia deve continuare impegnando tutti. Il sindaco non ha potere sulla quantità di tamponi da fare. Anch’io penso che più se ne fanno meglio è. L’assessore regionale però anche stamattina ha ribadito che vadano eseguiti in maniera mirata e circostanziata. Io non cerco capri espiatori. Mi attengo alle indicazioni e come Amministrazione comunale stiamo cercando di fare il possibile e l’impossibile per aiutare a partire dall’informazione, che diamo in maniera puntuale e quotidiana. Oggi non è il momento delle polemiche. Infine faccio le condoglianze, che non sono riuscito a fare diversamente, all’amico Andrea Casciari per la perdita del padre a causa del virus. Il mio pensiero va anche a tutti i tifernati scomparsi nei giorni scorsi e alle loro famiglie”.
 
 



 

EMERGENZA CORONAVIRUS: 50  POSITIVI, 98 NUOVE QUARANTENE, POSTE APERTE NELLA ZONA SUD PER LE PENSIONI. STASERA TRICOLORE SU BELVEDERE IN DIRETTA FACEBOOK.

Emergenza Coronavirus. Martedì 24 Marzo 2020. Dichiarazione del sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta: “Aggiorniamo i dati con il numero dei positivi è di 3, in decrescita. Il totale dei positivi è di 50. Abbiamo 98 nuove quarantene precauzionali, molti dei precedenti quarantenati sono usciti senza aver manifestato il virus. Le misure di prevenzione stanno dando risultati, ringrazio la ASL  dell’aggiornamento ufficiale costante e anche dell’abnegazione degli operatori. Il reparto COVID 19 a Città di Castello sarà di 35 posti. Sono a regime medicina e chirurgia con una leggera flessione dei posti a disposizione, perché trasferite all’area COVID. Ampliata la rianimazione con 10 posti. La nostra struttura sanitaria sta facendo un immane lavoro in tempi strettissimi e in circostanze eccezionale. E’ quasi commovente l’impegno di tutti, molti dei quali risultati positivi al test. Rispetto agli Uffici Postali, la Direzione, dietro interessamento del Comune, ha garantito che per far fronte all’emergenza pensioni verranno riaperti due punti nella zona SUD: Ringrazio Poste e Sogepu, che ha donato 1000 mascherine e 1000 confezione di gel disinfettante, 200 mascherine a Muzi Betti. La ringrazio per questo atto che va oltre i suoi compiti istituzionali, che continua a svolgere. Concludo con l’illuminazione stasera del Santuario di Belvedere e della torre civica questa sera come simboli di speranza e di combattimento. Belvedere è visibile dall’ospedale ed è un tributo per loro”.

 

 

Emergenza Coronavirus. Lunedì 23 Marzo 2020, Dichiarazione del sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta: “I positivi sono 47, ci manteniamo sugli standard degli ultimi giorni, mentre il numero delle persone in quarantena è molto elevato, intorno alle 400 persone. Dobbiamo sperare che ne escano presto. Facciamo le condoglianze ai due tifernati deceduti, una signora ricoverata a Pantalla e l’altro a Terni. Auspichiamo che terminata questa terribile vicenda vengano onorati come meritano. La situazione è ancora complessa, dobbiamo rimanere con la guardia alta, a casa. L’ultimo decreto del Governo prevede il divieto di recarsi nei comuni limitrofi anche se moto vicini a noi. Da Città di Castello a San Giustino non si può andare. La sanificazione continua ed è un buon lavoro. Concludo con due manifestazioni di volontà contro il COVID 19: un numero a cui fare donazioni per l’ospedale, l’IBAN IT34H0103021600 000002672133; domani sera martedì 24 marzo 2020 il Santuario di Belvedere sarà colorato del Tricolore come segno di solidarietà agli operatori dell’ospedale in collaborazione con Tifernauti e con la diocesi. Con lo stesso spirito illumineremo la torre civica di azzurro. Ringrazio il vescovo Cancian per il suo impegno e il suo coinvolgimento in questa emergenza. Ringrazio infine il COC e gli operatori del comune che stanno lavorando h24. A loro va un grande abbraccio”.  

 


Condividi